skip to Main Content
LAMANUALE
Promosso da De Longhi con il nome di " Progetto Simbiosi "  un contest  dove gli studenti si sono confrontati con l'azienda per creare prodotti unici che esprimessero eleganza e design.

Il contest ha mescolato le sfide di ognuno mettendo a confronto l’apporto innovativo e contemporaneo che i giovani possono portare e la voglia e la capacità aziendale di andare sempre avanti.

Abbiamo visto in mostra molti avvincenti e interessanti progetti  selezionati tra i 10 più importanti Istituti, Atenei ed Accademie di design italiani (Politecnico di Milano e di Torino, le Università di Palermo, Napoli e Genova, La Sapienza di Roma, Accademia Belle Arti di Verona, IED di Venezia, IUAV di Venezia e IUAV di S. Marino, ISIA di Firenze) a cui era stato chiesto di esplorare in modo nuovo ed innovativo “il mondo del caffè”

Queste le parole di Vladimiro Carminati, Country Director Italy De’Longhi  “le macchine da caffè De Longhi, rappresentano in modo del tutto evidente, i valori del marchio: innovazione, cultura, capacità manifatturiera, lusso e tecnologia,  posizionandoci ai vertici del mercato. Per questo motivo abbiamo scelto di focalizzare il Progetto Simbiosi sul mondo del caffè ” 

 

 

 

PENSIERO 1° Classificato
Davide Parenti, Zambrelli Filippo, Zagatti Federico,Politecnico di Milano

 

“Il Progetto Simbiosi – dichiara Giacomo Borin, Responsabile Centro Stile De’Longhi – ha in sé un valore etico e vuole rappresentare la sensibilità dell’Azienda nei confronti dei giovani e del territorio. Siamo convinti che il design debba farsi interprete della ricucitura di quelle fratture che si sono prodotte nei passaggi epocali tra le tecniche artigianali e la necessaria ed indispensabile implementazione tecnologica.”

 

ECLISSE 2° classificato
Francesco Isgrò, Marta Donati e Paolo Rusconi, Politecnico di Milano
Macchina del caffè

” De’Longhi tramite Simbiosi, ha voluto sensibilizzare i giovani alla conservazione dei valori, perché le aziende italiane devono avere anche un ruolo di responsabilità nei confronti dei propri territori.” 

 

DIEGO 3°classificato Manuel Muccillo, Silvia Cosentino, Luca D’Elia, Gloria Figueiredi, Università La Sapienza di Roma Macchina del caffè

Il lavoro degli studenti, spesso inserito anche nel piano di studi, è stato anticipato da un percorso itinerante realizzato da un pool di professionisti dell’azienda De’Longhi che ha incontrato, in 4 mesi, gli studenti partecipanti al contest per trasmettere loro la cultura industriale e i saperi artigianali del territorio.

Il risultato degli incontri è stata la realizzazione, da parte degli allievi, di circa 280 elaborati – tra relazioni, video e storytelling – che si sono poi concretizzati in 66 progetti definitivi

giudicati da una giuria d’eccezione composta da sei membri autorevoli: l’architetto Mario Bellini, Sam Baron direttore del dipartimento design Fabrica, Francesco Morace, sociologo e saggista, Simone Panfilo co-fondatore di Lovedesign, e presieduta da Fabio De’Longhi.

Tra le proposte ricevute, le 14 ritenute più curiose, innovative ed interessanti sono state trasformate in prototipi diventando poi i protagonisti di una mostra, tra i quali i 3 progetti vincitori, che sono stati premiati con una borsa di studio (valore complessivo 7.000,00€) e la possibilità di realizzare uno stage, regolarmente retribuito, presso l’Azienda nel centro di ricerca stilistica & design.

 

Un bel progetto che, non rimane solo bello da guardare, ma ha permesso a dei giovani designer di mettersi in gioco su tematiche nuove, di confrontarsi con nuovi mercati e diversi prodotti, imparando da chi aveva già esperienza e la condivideva con loro.

Gli studenti hanno messo in circolo la loro curiosità e la loro energia e i risultati si sono visti!

CLEPSIDRA

DORIC

 

 

 

 

 

 

 

RACER

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Chiara Bellocchio

Back To Top