skip to Main Content
SanMarco05

Wang Shu, il primo architetto cinese a vincere il premio Pritzker ha costruito alcuni dei suoi edifici più famosi, come il Nogbo Museum, riutilizzando vecchi mattoni di edifici demoliti. Una scelta particolamente significativa nella Cina dello sviluppo a tappe forzate, che rischia di travolgere il passato.

 

Wang Shu è tra gli autori presenti alla mostra Architecture as Art, visitabile all’Hangar Bicocca fino al 12 settembre, nell’ambito della XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano.

SanMarco02

“Solo le persone che capiscono la natura dei materiali possono fare dell’arte usando i materiali”.

Questa frase dello stesso Wang Shu sintetizza al meglio il senso complessivo di della mostra ideata e diretta da Pierluigi Nicolin. Nei grandi spazi dell’Hangar i visitatori si trovano di fronte non a disegni e modellini, ma a campioni reali di costruzioni architettoniche che evidenziano il loro lato artistico, al di là della funzione che normalmente hanno. In questo senso il contributo di Wang Shu è particolarmente significativo per le forme e il materiale scelto. Wang Shu ha disegnato un’installazione in mattoni faccia a vista, costituita da una serie di quinte murarie, nelle quali l’architetto cinese mostra le tante valenze dell’arte muraria, dalla perizia costruttiva, al legame dei materiali con la terra e la natura.

sanMarco03

I mattoni in laterizio sono prodotti da un’azienda italiana la SanMarco, con tecnica tradizionale a pasta molle e realizzati con l’utilizzo di argille naturali prive di additivi. Con una particolare lavorazione si è ottenuta una rugosità che anima la texture. La colorazione rossa è ottenuta con la miscelazione di argille provenienti da cave di proprietà SanMarco senza aggiunta di pigmenti o coloranti.

SanMarco04

SanMarco05 SanMarco06 SanMarco07

Back To Top