skip to Main Content
Thomas Library

Linee futuristiche, spazi funzionali, luminosità estrema, in poche parole interior design d’avanguardia.

 

La biblioteca di una piccola scuola londinese a conduzione famigliare, la Thomas’s London Day School, è sdomus-01-thomas_library (1)tata recentemente oggetto di una ristrutturazione che ha avuto come protagonista HI-MACS, la pietra acrilica naturale rivoluzionaria, in grado di assumere qualsiasi forma e utilizzata da architetti e interior design del calibro di Karim Rashid, Zaha Hadid, Rafael Moneo, David Chipperfield e Jean Nouvel per la realizzazione di oggetti di arredamento, bagni, cucine, musei, facciate esterne di edifici e molto altro.

hi-macs

Gli interior designer dello studio Hugh Broughton Architects hanno creato una sala luminosa dotata di pareti bianche, soffitti a volta, moderni faretti a incasso, arredamento su misura e diverse zone di lettura. Il banco della biblioteca, contenente 875 libri è interamente in HI-MACS, un materiale liscio, concepito e prodotto da LG HAUSYS, leader mondiale nel settore della tecnologia.

Un altro particolare interessante del progetto è la pavimentazione in resina bianca, valorizzato dalle illustrazioni: sono un omaggio alla carta geografica di Narnia, il paese immaginario del romanzo di CS Lewis Le Cronache di Narnia: il Leone, la Strega e l’Armadio.

Schermata 2016-02-15 alle 17.07.35

HI-MACS è protagonista di una ristrutturazione all’insegna del divertimento e della funzionalità e risponde al desiderio di progettare un ambiente stimolante, anche per l’immaginazione dei più giovani.

Scelto sempre più frequentemente dai progettisti di spazi pubblici per la capacità di assorbire l’umidità e resistere alle macchie, HI-MACS è caratterizzato da una lavorazione semplice che ne facilita la manipolazione e il taglio, proprietà termoplastiche, vasta gamma di colori e assenza di giunture anche in ampie superfici.

La termoformabilità di questa pietra rende il materiale molto versatile, adatto a progettare spazi anche per i bambini perché permette di realizzare curve ed evitare angoli retti e sporgenti.

Back To Top