skip to Main Content
Jannelli Volpi Fabbrica Sirpi Tribiano Paola Jannelli

Jannelli&Volpi fabbrica aperta, i luoghi della manifattura milanese tra tradizione, innovazione e tecnologia 4.0.

 

Durante la  OPENWEEK, nel contesto di MILANO FALL DESIGN CITY, promossa dal Comune di Milano, la Jannelli&Volpi, ha dedicato a clienti, architetti, media e visitatori, alcuni Open Day, per mostrare i molti volti della fabbrica.

Jannelli&Volpi: ha aperto la casa, dove si disegnano le collezioni, dove lavorano le persone, dove si producono i rivestimenti murali, da dove partono per il mondo.

 

Carta, mani, macchinari, viaggi, muri, case, luoghi contract.

Un viaggio per capire la bellezza e la difficoltà di creare e produrre.

 

 

In tutto la produzione di carte da parati conta 14 linee.

In stile “basso impatto” la fabbrica si è dotata di tecnologie produttive che perseguono le “buone pratiche” delle economie Green.

Una strategia aziendale che rispetta l’ambiente, per scelta di materie prime e il controllo dei consumi di acqua ed energia, oltre all’occhio attento verso la salubrità dei luoghi di lavoro.

Dal punto di vista energetico – essendo un’azienda “energivora” – la Jannelli ha scelto di bilanciare gli utilizzi, ad esempio con turni notturni per equilibrare i picchi.

 

L’Azienda lavora per ridurre al minimo l’impatto ambientale di ogni processo produttivo.

Durante la giornata ricognitiva a Tribiano, alle porte di Milano, la Jannelli&Volpi ha dato i numeri, mostrando come, dagli anni ’70 la fabbrica si è evoluta, portando con sé il progresso e l’evoluzione culturale, che una fabbrica contemporanea deve avere, se vuole crescere bene.

 

Le tecnologie di produzione – serigrafia, rotocalco, tradizionale, goffratura, flock, digitale – e la capacità di mixarle per ottenere un prodotto sempre più ricercato e di qualità

 

L’importanza del colore e delle mischie. Oggi Green !

Negli anni ’90 opera una grande conversione: passa dall’uso degli inchiostri a base solvente (tutta l’industria della stampa – anche delle carte da parati – li utilizzava) a quello di inchiostri a base acquosa.

Così ci siamo imbattuti, nel tintometro,  denominato ‘macchina del colore’, dotato di sistemi software che studiano quali sono i pigmenti meno metarici,  per riprodurre ogni cromia, in condizione di luce fissa.

 

Esiste anche la fase totalmente artigianale, che ci ha molto affascinato, quella dove è possibile sperimentare miscele di colore manualmente, fino a trovare il ‘colore giusto’

 

 

In Jannelli&Volpi si utilizzano diversi supporti, dai più comuni come il TNT fino a quelli pregiati ed elaborati come la seta e la rafia.

 

Una gamma di soluzioni, che comprende anche quelle personalizzate e il ‘su misura’, consentendo di realizzare carte da parati uniche, per dimensioni e tipologie di supporto.

Un carta da parati customizzata !

 

 

 

Girando tra i macchinari, abbiamo ritrovato la macchina di stampa più vecchia, datata 1930 con una tecnologia risalente al 1850.

Anche detta ‘la tradizionale’, per il processo di stampa che prevede.

Una zona della fabbrica nuova , è dedicata al ‘digitale’ con macchine di ultima generazione che definiscono un vero e proprio centro di produzione innovativo e in continua implementazione.

 

L’evoluzione del fare e la possibilità di sperimentare.

 

 

Per fare tutte queste carte da parati e stare dietro ad una produzione, che soddisfa mercati internazionali, l’azienda ha da sempre sostenuto

 

Creatività, stile e innovazione.

 

Non solo la scelta pragmatica di abbracciare l’incontro con le nuove tecnologie,  concretizzata nel nuovo stabilimento, così da rispondere all’evoluzione del mercato e alle richieste internazionali dei mercati con cui ci si confronta.

Ma anche la scelta spontanea di far confluire, molti degli sforzi e della passione, attraverso le proposte di design, l’innovazione costante, che mette in gioco l’ufficio creativo interno CreativeLab, guidato da Paola Jannelli. 

Per creare delle collezioni  convincenti, di anno in anno, è necessario mettere in connessione le menti creative e sperimentare anche attraverso le collaborazioni con i designer esterni.

 

Sorprendersi  ed essere curiosi. Sempre ! Così la Jannelli&Volpi ha sdoganato definitivamente la carta da parati, rendendola uno degli elementi d’arredo innovativi 

 

Anche grazie ai nuovi materiali, come la seta o la stoffa, impermeabile all’acqua grazie al brevetto Code-Layer, sviluppato da Rezina e dato in esclusiva mondiale proprio a Jannelli&Volpi.

 

Yumiko_ambient_PH01_Jannelli_Volpi

 

Gli incontri con i creativi e i designer, favoriscono il Mood necessario per mantenere alta la creatività e la curiosità, per essere sempre competitivi.

 

Tra mood-board, prove grafiche, di colore e di stampa, nascono le collezioni interne e prendono vita le licenze, oltre alla produzione per conto di altri brand.

Design e stile italiano contemporaneo per il mercato internazionale di fascia alta e per mercato contract.

 

 

I brand e le Licenze 

Suoi i brand JV Italian Design e JWall (la collezione 2013 viene selezionata nell’Adi Design Index 2014),
disegnati dal CreativeLab dell’Azienda e Co.De Contemporary Design by Jannelli (presentata ad aprile 2019).

‘JV Licence’ include invece collaborazioni esclusive con design iconici e con il mondo dell’arte: M.C. Escher,
Marimekko, Leonardo, Composition – A Tribute to Kandinsky.

È licenziataria esclusiva di ArmaniCasa per
‘Armani/Casa Exclusive Wallcoverings Collection’ e MissoniHome per MissoniHome Wallcoverings.

 

2000 le referenze prodotto.

Un archivio storico custodisce 3000 disegni originali a partire dall’800, raccolti e classificati dagli anni ’60.

Un incredibile tesoro !

A tribute to Kandinsky_Jannelli_Volpi_Studio-di-cerchi_

 

 

Non ultima da annoverare, la JV School, aperta nell’autunno 2016, è un centro di ricerca di rivestimenti murali e una scuola per posatori in carta.

Creata per espandere e tramandare la cultura del prodotto e rivolta agli artigiani e a chiunque voglia apprendere il mestiere del tappezziere, ha diplomato nel 2018, 95 gli artigiani, diplomati tappezzieri.

Un ottimo traguardo, per rendere opportunità di lavoro.

ANTEPRIMA 2020

La tradizione e gli iconici simboli giapponesi animano le carte da parati di JV451 Yumiko, nuova collezione del brand JV Italian Design, che sarà presentata in occasione dell’appuntamento internazionale Paris Déco Off (16-10 gennaio 2020).

 

Il pattern “Yumiko”,  letteralmente  “colei che genera bellezza”

 

Pattern dai sapori esotici, riferimenti alle tecniche orientali di colorazione dei tessuti, geometrie che richiamano i ciottoli delle stradine dei paesi, JV Italian Design è un viaggio attraverso le bellezze del mondo.

Tra le ispirazioni, non poteva mancare il Paese del Sol Levante con le sue tradizioni, i colori intensi e le icone immediatamente

 

 

Su sfondi dati a pennellate colorate, si muovono scene di vita e stralci del paesaggio naturale che caratterizzano l’arcipelago.

I colori sono i rossi e gli arancioni intensi delle albe, i blu lapislazzulo degli oceani che si aprono all’orizzonte, e le sfumature di grigio e beige che ingentiliscono la collezione.

 

JV451_Yumiko_ambient_PH03_Jannelli_Volpi

Yumiko_ambient

 

Ai pattern più figurativi, una vasta gamma di uniti dall’aspetto sempre in movimento, grazie a interventi grafici come graffi, retinature e marmorizzazioni.

 

“Fai quello che gli altri non fanno”

Queste le parole di Oreste Jannelli, che tracciano ogni giorno il percorso da fare., che tutti, in azienda, rispettano molto.

Una strada che spinge al mutamento, all’essere ogni giorno diversi, ogni giorno migliori, e quindi unici.

Back To Top